Passa ai contenuti principali

La transizione al natural running

Un articolo sul natural running mi suggerisce lo spunto per una riflessione sulla transizione;
Questo pezzo oltre a nn apportare novità significative al dibattito, consiglia di affrontare il passaggio incominciando su terreni morbidi o addirittura la sabbia, cosa che dal mio punto di vista è assolutamente sconsigliata per due motivi fondamentali.




Durante il periodo di adattamento i muscoli e i tendini della caviglia nn sono ancora addestrati a sopportare nuovi angoli e maggiori carichi di lavoro, la presenza di sconnessioni e terreni morbidi possono affaticare questa struttura, mettendoci a rischio di lussazione.
Grande attenzione dobbiamo prestare anche al tendine di achille, normalmente dimenticato e calpestato nel nome della nike, questo grande tendine, viene sollecitato a nuova vita e, complice l'aumentata potenza di tiro del gastrocnemio, è ad elevato rischio di infiammazione, la sabbia, i terreni morbidi e gli avvallamenti erbosi sovraccaricano di lavoro il tendine, imponendogli un aumentata flessibilità.

Da ultimo, abbiamo avvilito, chi per 20 chi per 30 e chi, come me, per 40 anni, il nostro apparto ammortizzante costituito dal polpaccio e dall'articolazione della caviglia, abbiamo dimenticato che i nostri piedi posseggono muscoli in grado di sorreggerci autonomamente, abbiamo relegato ad un ruolo di secondo piano una delle articolazioni più importanti.
Concediamo quindi i necessari tempi di adattamento al nostro corpo, distinguiamo gli infortuni dagli accomodamenti virtuosi ma a volte dolorosi, immaginiamo il nostro organismo come una macchina vitale che si rompe e ricompone mille volte per migliorarsi, i tendini recupereranno la loro elasticità, le ossa si frattureranno per saldarsi ancora più forti, i muscoli urleranno tutto il loro piacere;
Ritroverete la vera essenza dell'uomo, da 4 milioni di anni ad oggi.



http://unitedhealthkent.com/2013/01/the-barefoot-running-debate/

Post popolari in questo blog

La piramide alimentare

Ognuno ha la sua piramide alimentare preferita, se ne possono incontrare moltissime versioni, è sufficiente cercare i termini "piramide alimentare"   per scoprire un mondo di piramidi che neanche gli egizi potevano immaginarle. Su di una cosa molte concordano, i dolci in tutte le loro forme si incontrano quasi sempre al vertice, il pericolo massimo, salvo poi trovare nella maggioranza dei casi la base della piramide costituita dai cereali, il massimo della salute secondo i novelli edificatori di tombe. Che cosa non funziona? Porre dolci e cereali al vertice ed alla base è un incongruenza colossale in quanto il nostro corpo processa entrambi gli alimenti ottenendo la medesima sostanza, il glucosio; Difficile pensare che il medesimo composto chimico possa essere il peggiore ed il migliore quando l'unica differenza consiste nei tempi di assimilazione della sostanza, insomma, tanta droga nel medesimo istante è un problema, ma un apporto costante, controllato e legger

Una caso studio sui benefici della corsa naturale

Riporto e traduco un interessante articolo dal blog del dottor Nicholas Campitelli   a proposito di un interessante caso studio della durata di due anni su di un paziente che lamentava problemi di postura: Il dibattito è in corso per l'uso di scarpe minimaliste e la corsa a piedi nudi. Pochi studi sono stati fatti e ci sono così tante variabili da controllare da rendere il numero di  questi studi  praticamente irrilevante. Per vedere gli effetti di ciò che accade al nostro piede rimuovendo il supporto esterno da un tradizionale controllo del movimento di una scarpa da corsa sono necessari anni, qui vorrei condividere un esempio di un corridore che ha abbandonato i plantari rigidi per il controllo del movimento con scarpe ASICS  ed ha iniziato indossando scarpe minimaliste New Balance Minimus con un supporto plantare pari a zero. Il paziente due anni e mezzo fa, all'età di 34 anni,  aveva piedi piatti flessi e una posizione valga del calcagno (l'osso del tallone os

La mia transizione al natural running

Ho completato la mia transizione, sono un barefooter? Dopo quasi due anni di prove tecniche ancora nn riesco a rispondere a questa domanda. Ho incominciato ad interessarmi all'argomento grazie ad un articolo sul sito della Asics, ebbene sì, lo ammetto, stavo in casa dei cattivik per trovare un paio di scarpette. Novembre 2012 Istillato il germe della curiosità ho approfondito la materia Barefoot fino a capire, tramite il sito della vallisport , che sarebbe stato meglio cominciare con un drop di 3 mm,  il drop è il termine con cui si misura il dislivello tra avanpiede e tallone, il barefoot prevede naturalmente un drop pari a 0. Ho acquistato le  Inov8  f-XLITE 195 , con drop 3, in fondo nn erano molto diverse dalle mie asics, avevo incominciato a correre con scarpe ammortizzate da circa un anno. Stavo nel mezzo del cammin di nostra vita, 41 anni, poco prima di entrare nella foresta oscura mi son provato di correre, ricordo la prima volta, il preciso istante in cui mi s